Giochi da fare in gruppo: alcune idee per coinvolgere i bambini

Condividere delle esperienze di gioco, interagire, divertirsi, insomma, stare bene insieme agli altri è fondamentale per la nostra salute psico-fisica, ma soprattutto per quella dei bambini. La pandemia ci ha costretti a trascorrere le giornate chiusi in casa, ad evitare i contatti con il mondo esterno e, di conseguenza, a limitare drasticamente la socializzazione. In […]

Condividere delle esperienze di gioco, interagire, divertirsi, insomma, stare bene insieme agli altri è fondamentale per la nostra salute psico-fisica, ma soprattutto per quella dei bambini.

La pandemia ci ha costretti a trascorrere le giornate chiusi in casa, ad evitare i contatti con il mondo esterno e, di conseguenza, a limitare drasticamente la socializzazione. In questo periodo abbiamo capito quanto il contatto umano (vero e fisico, non quello virtuale delle videochiamate o della DAD) sia essenziale per tutti noi e di quanto le attività svolte in compagnia siano più appaganti e divertenti.

In famiglia si è fatto sicuramente il possibile, ma sappiamo bene che i coetanei, gli amici sono essenziali compagni di gioco per i bambini e che il sacrificio richiesto a loro è stato ancora più grande.

Ora è giunto il momento di tornare a giocare insieme in casa, al parco, in spiaggia, ovunque si possa vivere un’esperienza con gli altri perché, come scriveva nel suo diario anche il protagonista del celebre film “Into the Wild”, la felicità è reale solo quando è condivisa!

 

Giochi di gruppo: l’importanza dei giochi di gruppo per i bambini

L’attività ludica di gruppo è una parte fondamentale nella nostra vita, in particolar modo durante l’infanzia, perché aiuta a sviluppare la socialità e offre i giusti stimoli per una crescita cognitiva sana.

Organizzare giochi all’aperto è un’ottima idea perché i bambini sono liberi di muoversi in uno spazio più ampio, correre, interagire fisicamente con i propri compagni. Chi non ha mai giocato al gioco della campana? Un classico senza tempo che prevede solo l’uso di gessetti e tanta voglia di divertirsi. Per i piccoli artisti invece, che guardano al futuro, i gessetti possono essere il giusto tocco di colore da dare alle strade con bellissimi disegni tutti da creare.

Inoltre, giocare all’aperto appresenta un momento di condivisione e socializzazione attiva rispetto ad attività passive come guardare la TV o giocare ai videogiochi.

Ma non solo gli spazi aperti, anche la propria casa può trasformarsi nel luogo ideale per attività di gioco creative e appaganti. I giochi in casa aiutano a stimolare la creatività e possono risultare interessanti sia per i più piccoli sia per i ragazzi.

Alcuni suggerimenti?

  • Sfilata di moda con i vestiti dei genitori, dove si possono anche assegnare dei ruoli: chi si occupa del Make-up, chi della scelta degli abiti, chi presenta, chi decide e consegna il premio per il più bel vestito etc. L’idea in più potrebbe essere quella di creare personalmente i capi per una passerella home made super stilosa. Come? Un po’ di carta crespa, un po’ di colla (o dai genitori con ago e filo) e il gioco è fatto!
  • Versione junior e casalinga di X-Factor con tanto di cartellini di carta da consegnare ai giudici per la votazione. Al termine si controlla il punteggio accumulato da ogni partecipante per l’interpretazione e la canzone. Basandosi sui punti, si decreta il vincitore della competizione. E come premio, dei regali perfetti per ogni giovane artista, ci pensano i regalini GIOTTO Party Gift!
  • Una sorta di “Indovina chi?” più dinamico dove tutti i bambini, tranne uno, vengono invitati a entrare in un ruolo, a recitare una parte. In questo caso, il “non attore” deve indovinare quale personaggio o animale stanno imitando i suoi compagni.
  • Telefono senza fili, un grande classico, intramontabile!

 

Questi sono solo alcuni consigli da cui prendere spunto, la creatività non conosce limiti e il divertimento è assicurato in ogni caso! Vi suggeriamo di coinvolgere anche i bambini nella creazione, nella fase di proposta delle attività di gioco. Sono professionisti nell’inventarsi nuove attività, quindi via libera alla loro fantasia e alle idee!

Giochi di gruppo: Giochi di gruppo per bambini dai 6 anni in su

Creare giochi di gruppo per bambini molto piccoli, in età prescolare, non è una missione impossibile. Ogni età ha le sue gioie e le sue sfide! Quindi cosa aspettate a dare il via al divertimento? Basta solo un po’ di organizzazione e tanta fantasia.

In base al livello di difficoltà, si può partire prendendo spunto dai giochi classici che possono essere molto stimolanti per i più piccoli. Nomi, cose e città, per esempio, è utile per indagare il lessico e la conoscenza delle parole, anche inserendo la voce degli animali.

Tra i giochi di società certamente risiko è uno tra i più quotati: una partita, magari in coppia con i genitori o avendoli come avversari, garantisce risate sicure e può essere un modo originale per trascorrere un pomeriggio piovoso.

Altri giochi possibili sono quelli relativi ai quiz, come indovinare titoli di film o cartoni animati oppure più dinamici come il gioco della sedia dove musica, movimento e oggetti si fondono in un mix che non va mai fuori moda.

Gli strumenti e le modalità per organizzare questi giochi per bambini sono molteplici, non è importante neanche il numero di giocatori coinvolti, l’unica parola chiave è intrattenimento ad ogni costo!

 

Giochi di gruppo da fare divisi in squadre

I giochi in cui ci si divide in squadre vanno per la maggiore in molte situazioni perché sono i più conosciuti, tra i più noti impossibile non citare caccia al tesoro e guardie e ladri.

Per i più grandicelli spesso la scelta più ovvia e immediata è lo sport. L’esperienza è positiva sotto diversi punti di vista; con i propri compagni di squadra, infatti, si vive un vero e proprio scambio e, nonostante contro la squadra avversaria si mettano in atto strategie per creare quanti più ostacoli possibili, la cosa meravigliosa è la capacità di concludere questa battaglia una volta usciti dal campo da gioco.

Tra le mura domestiche esistono giochi adatti a intrattenere bambini di tutte le età, per i quali si possono organizzare sfide più creative e semplici.

Non servono tanti strumenti, a volte basta un foglio e qualche matita colorata. Una gara di disegno, per esempio, è uno stimolo semplice e creativo per tutte le età. Un bambino disegna solo alcuni particolari di un soggetto e, tramite questi indizi, gli altri partecipanti devono trovare la soluzione, capire chi o cosa sta rappresentando.

Per i bambini più piccoli, in età prescolare, Didò ha l’idea perfetta per un primo approccio ai giochi di società: parliamo di Didò – Dado Matto! Un gioco che coinvolge i più piccoli in un’attività creativa ma anche educativa. Per loro sarà super divertente realizzare con Didò gli animali proposti dal Dado Matto, progredendo nel gioco e cercando di vincere, grazie anche, letteralmente, a una mano dei propri genitori!

Giochi di gruppo da fare con la palla

Esistono tanti giochi, tra cui molti sport, in cui la palla è protagonista, basta pensare ai tre più celebri: calcio, pallavolo e basket.

Si possono organizzare giochi all’aperto, i noti palla prigioniera e palla avvelenata, o al chiuso, mettendo al centro di tutto la palla e decidendo di costruirla utilizzando cartapesta o altri materiali. Il vantaggio di creare una palla fai da te, oltre alla sua leggerezza per non fare marachelle in casa, è il fatto di poterla decorare come si preferisce. Quindi, anche in questo caso, la fantasia è l’elemento principale del gioco.

Giochi da fare per feste di compleanno

La festa di compleanno dei bambini è l’occasione regina per inventare nuovi giochi e rispolverare i grandi classici, come ad esempio il gioco della pentolaccia.

Durante il party si possono vivere tante esperienze di gioco, in molti casi è spesso presente anche un animatore che coordina le attività che possono spaziare dai giochi musicali come il karaoke o giochi sensoriali come “scopri il gusto” o “scopri che cosa è” inserendo in una scatola “magica” un oggetto o un cibo che un bambino bendato deve riconoscere al tatto o al gusto. Sono giochi che non prevedono una penitenza, ma che lasciano liberi tutti di esprimere la propria personalità e abilità.

Per i più fantasiosi è possibile inscenare un mini-spettacolo teatrale o trasformare la casa in un salone di bellezza. Oppure organizzare una gara con le bolle di sapone: I bambini rimangono sempre affascinati dal loro tocco magico e si possono divertire senza sporcare sia in casa che all’aperto, utilizzando ad esempio le bolle di sapone Giotto Be-Bè, adatte anche per i più piccoli.

Al termine della festa può essere un’idea divertente consegnare agli ospiti un ricordo: una foto istantanea o dei colorati mini-regalini con cui si può anche organizzare una caccia al tesoro. Provate a nasconderli in casa o in giardino e create dei semplici indizi per i vostri amici. In questo modo il divertimento non avrà mai fine!

 

Giochi di gruppo da fare con le carte

I giochi di carte possono sembrare “antichi” ma non è così. Anzi, ne esistono molti indicati per incontrare anche le capacità e i gusti degli under 12.

Oltre ai classici scala quaranta, rubamazzetto e asso piglia tutto, si possono inventare nuove strategie di gioco da condividere in coppia o in piccoli gruppi.

Ad esempio, come per i giochi di gruppo con la palla, si possono creare in questo caso dei set di carte personalizzati e coloratissimi. Potrete scegliere i soggetti più disparati: che ne pensate di un mazzo di carte napoletane ma con gli unicorni? O un mazzo di carte francesi con il protagonista del vostro cartone animato preferito?

Sono tutti idee super originali per dare un tocco di colore al gioco delle carte, ma anche per creare un regalo che lasci il segno per i propri genitori o per i propri amici!

Giochi di memoria

I giochi di memoria sono tra i più gettonati in assoluto, presentano una sfida e aiutano la concentrazione.

Anche se i bambini non se ne rendono conto, quando si troveranno ad affrontare gli esami universitari e gran tomi da studiare ringrazieranno per aver sempre tenuto ben allenata la propria memoria!

Nei giochi di memoria ci si può davvero sbizzarrire, ne esistono di diverse tipologie (educativi, con i numeri, di ortografia, con le parole, a punteggio, puzzle) e più l’età avanza, più la difficoltà aumenta.

Per i bambini più piccoli proponiamo questo tutorial memory di Giotto Be-Bè, per imparare a riconoscere e memorizzare i colori.

Divertente anche da realizzare con l’aiuto di mamma e papà!

Questo articolo quanto ha acceso la tua creatività?
Grazie
3/5
Potrebbero interessarti
Guide & Tutorial
Quilling: strisce di colore e fantasia
Avete mai sentito parlare di quilling? Forse non conoscete questo nome, ma vi è già capitato di me
Rimani aggiornato
Iscriviti alla Newsletter Fila per avere tutti gli ultimi aggiornamenti