Dipingere con i colori acrilici: come fare, tecniche e consigli per iniziare

Cosa sono i colori acrilici

A partire dalla metà del ‘900 nel mondo dell’arte si afferma una nuova tecnica pittorica molto apprezzata per la sua semplicità d’uso, la formulazione e la versatilità in campo artistico: la pittura acrilica. Le sue caratteristiche principali sono la facilità di diluizione del materiale con acqua, per andare a creare velature utilizzabili su molteplici supporti e la possibilità di andare a lavorare facilmente a spessore.

Il tratto distintivo e punto di forza di questa tecnica è, senza dubbio, la rapida asciugatura. Questa tecnica ha permesso a grandi artisti, Van Gogh tra i più celebri, di esprimersi con modalità del tutto nuove, impossibili da realizzare con i colori a olio. La pittura con gli acrilici è alla portata di tutti, particolarmente indicata per chi si avvicina per la prima volta al mondo delle belle arti e vuole vivere una nuova esperienza. Gli acrilici sono adatti a ogni età, adulti e bambini possono infatti, liberando la propria creatività, svolgere questa attività creando le loro opere, una mano di vernice dopo l’altra. Esistono diverse opportunità per imparare, volendo si può anche frequentare un corso specifico. Dare vita alla propria opera d’arte sarà davvero semplice, che sia un paesaggio, dei fiori che avete visto in natura o anche animali, basterà solo seguire i nostri consigli.

Siete curiosi e volete saperne di più?  Leggete i nostri consigli e scoprite insieme a noi di Diario Creativo come realizzare dei bellissimi quadri dai colori super brillanti!

Differenza tra i colori acrilici e i colori ad olio

Come dicevamo, l’acrilico ha subito una velocissima espansione grazie ad alcuni suoi vantaggi, primo tra tutti i tempi di asciugatura ristretti e la conseguente essiccazione molto rapida dello strato di colore. Tecnica semplice e quindi perfetta sia per principianti, sia per appassionati.
I colori acrilici sono, inoltre, facili da stendere a pennello e hanno una brillantezza unica. Altri punti a favore sono la resistenza alla luce, l’ottima miscibilità e l’adesione a tutti i tipi di supporti.

Il supporto ideale su cui dipingere è una superficie porosa capace di “catturare” il colore ed evitare che coli, sconsigliati i supporti con texture lisce. La stabilità del colore asciutto e nessun ingiallimento sono senza dubbio altre due caratteristiche che li rendono più ambiti rispetto, ad esempio, ai colori ad olio. Quest’ultimi presentano infatti una minore resistenza agli agenti esterni e anche maggiori screpolature. In compenso, tramite la pittura ad olio è più semplice ottenere delle sfumature visto che l’acrilico asciuga rapidamente e i passaggi di tonalità sono possibili solo tramite medium ritardanti che servono a realizzare le velature. Nella pittura a olio viene utilizzato l’olio di lino, mentre i pigmenti di cui sono composte le tinte acriliche permettono una diluizione. Il modo più semplice in assoluto per diluirli consiste nell’aggiungere della semplice, ma efficacissima, acqua!

Cosa occorre per dipingere con i colori acrilici

Gli accessori utili per dipingere con gli acrilici non sono tanti, ma è giusto procurarseli tutti se si vogliono ottenere risultati ottimali. Innanzitutto, in una prima fase di preparazione, sarà essenziale procurarsi una matita e un kit da disegno. Un set di colori è essenziale, ideale per creare effetti diversi nel soggetto da rappresentare. Noi consigliamo i colori acrilici Graduate, disponibili in differenti set assortiti.

Qui di seguito una breve lista degli strumenti necessari:

  • Pennelli
    Attenzione a non lasciare che il colore si secchi sulle setole, se succede dovrai buttarli via! Prima di procedere con la lavorazione, prepara un bel bicchiere colmo d’acqua e immergi subito i tuoi pennelli dopo averli usati, soprattutto se hai intenzione di non utilizzarli più o di farlo solo un po’ di tempo. Preferibili quelli composti da fibre sintetiche: le più morbide garantiscono una buona elasticità e un’ottima tenuta dei colori, soprattutto quelli che presentano una fluidità media. Quelle più rigide garantiscono maggiore controllo e precisione e sono perfette con colori ad alta viscosità. Noi consigliamo i pennelli Graduate di Daler-Rowney, una gamma studiata per tutte le tecniche pittoriche. Sono presenti pennelli con setole naturali, sintetiche e miste, 16 differenti punte e un’equilibrata quantità di misure disponibili.
  • Tavolozza
    Utile per miscelare e preparare i colori e averli in prossimità della tela. Perfetta quella in legno, ma vanno bene anche quelle in plastica, più pratiche perché più facili da pulire.
  • Spatole
    Per mescolare e spatolare direttamente su tela. Sono indicate due categorie: spatole a coltello e quelle a gomito. Ideali per pittura a spessore, per mescolare paste acriliche e per creare fondi d’effetto.
  • Tela
    Supporto più venduto perché resistente, hanno lunga durata nel tempo, una trama fitta a grana media ed è anche economico. Le tele più gettonate sono quelle in cotone e la grammatura consigliata parte dai 300 g/m2 in su. In commercio esistono telai di varie dimensioni, sia quadrati sia rettangolari, di grandezza ridotta oppure enormi. Noi vi suggeriamo la gamma Artist’s e Simply Daler-Rowey.
  • Cartoni telati
    Ancora più economici rispetto alle tele, presentano al loro interno una struttura di cartone. Ne esistono a forma quadrata o rettangolare, ma, essendo sprovvisti di un telaio interno, non se ne trovano di grandi dimensioni, il rischio è che si curvino. 
  • Cavalletti
    Ne esistono di diversi tipi: in legno di faggio, di olmo, da tavolo, a piani inclinati, ma i più richiesti restano quelli da studio. Quest’ultimi sono solidi, provvisti di cassetti e mensole per riporre gli oggetti utili, come pennelli e colori. Se si dipinge all’aria aperta sono consigliati i cavalletti da campagna, leggeri e facili da maneggiare. Noi vi suggeriamo cavalletti Daler-Rowey.
  • Carta
    In commercio esistono blocchi con carta a elevata grammatura dotata di barriera per evitare che il colore possa essere assorbito e passare da un lato all’altro del foglio. Per una resa garantita, brillantezza dei colori, senza acidi e senza azzurranti ottici consigliamo la carta Graduate Canson olio e acrilico.

I diversi supporti per i colori acrilici

La particolarità più interessante dei colori acrilici è la loro versatilità e la possibilità di essere utilizzati su diversi tipi di superfici: tele, carta, cartoni telati (come abbiamo anche specificato nel paragrafo precedente), ma anche legno, vetro, ceramica o metallo. Per ferro, ottone e alluminio, nello specifico, è particolarmente indicata un particolare tipologia di acrilici: lo smalto acrilico.
Per tutte le altre superfici si possono utilizzare anche spray, in commercio ne esistono in versione trasparente o opaca. Gli acrilici, grazie alla loro consistenza, sono alla base anche di molte colle sintetiche
Per superfici come il legno, per evitare lo scivolamento dei colori, è consigliata la preparazione di un fondo a base di gesso per rendere la superficie più porosa. Anche per quanto riguarda i supporti suggeriamo di dipingere su cartone, carta o legno (che possiamo magari già avere in casa) o su cartoni o pannelli telati. In un secondo momento, quando sarete più esperti, potrete dedicarvi alla prima tela!

Come dipingere con i colori acrilici

Esistono molti modi per utilizzare i colori acrilici, ognuna utile al raggiungimento di un diverso risultato. Ve ne citiamo qui di seguito alcuni esempi:

  • Colore puro
  • Diluizione
  • Colori acrilici ad alto spessore (heavy body) per ottenere effetti materici e utilizzare tecniche a spessore, movimento e volume all’opera. Qui è presente un’alta concentrazione di pigmento
  • Colori acrilici fluidi per pittura (pour painting)
  • Inchiostri acrilici

Colori acrilici per serigrafia che hanno grande ricchezza nel pigmento e garantiscono una perfetta definizione di stampa, con tempo di lavoro prolungato.

Insegnare ai bambini a dipingere con i colori acrilici

Se volete far sperimentare ai bambini gli acrilici, abbandonando per un po’ i classici acquerelli e pastelli, suggeriamo di iniziare a procurarvi un set con i colori primari. Potete acquistare i colori rosso, giallo, blu e, naturalmente il bianco e il nero. Decisivi per le mescole saranno i rapporti di miscelazione con cui mixare i colori primari e l’aggiunta del bianco per controllare la luminosità oppure del nero per ottenere nuove tonalità di colori.

Noi vi indichiamo i flaconi di Tempera Acrilica Giotto perché sono pronti all’uso, dotati di un tappo dosatore e permettono un’impugnatura ergonomica, perfetta anche per i più piccoli. Sono disponibili in 8 colori standard nel formato da 250 e 500 ml, oltre ai tubetti da 21 ml nei colori oro e argento.  Essendo molto versatili e facilmente miscelabili tra loro, gli acrilici permettono combinazioni infinite di colore! Come prima cosa raccomandiamo di dedicarsi alle grandi aree del dipinto dove sarà possibile stendere l’acrilico con un pennello di misura più grande. In un secondo momento ci si potrà occupare dei dettagli utilizzando dei pennelli più fini, preparando sulla tavolozza solo le quantità di prodotto necessarie: gli acrilici, come abbiamo ripetuto più volte, si asciugano in fretta e per questo motivo è utile avere uno spruzzino riempito d’acqua, per poter umidificare sia la tavolozza sia i colori, in modo da farli seccare più lentamente.

Per quanto riguarda i pennelli suggeriamo quelli dalle setole piatte e morbide, come ad esempio i pennelli Giotto della Serie 600 Taklon ideali per campiture piatte e stesure su ampie superfici. Consigliamo di iniziare con una piccola selezione di 4-5 pennelli con misure diverse per poi passare a sperimentare qualcosa di più complesso. Come primo approccio alla pittura acrilica sono ideali supporti come la carta o il cartone, perfetti per fare pratica e affinare la tecnica!

L’idea in più: nell’ampia offerta Giotto esistono anche i colori acrilici dall’effetto matt, asciugano rapidamente donando un effetto opaco alle superfici trattate

Questo articolo quanto ha acceso la tua creatività?
Grazie
/5
Potrebbero interessarti
Rimani aggiornato
Iscriviti alla Newsletter Fila per avere tutti gli ultimi aggiornamenti