Dipingere i sassi: idee, tecniche, strumenti e istruzioni

Dipingere i sassi: un'attività creativa adatta a tutti

Non importa se non abbiamo a disposizione un foglio di carta per fare un disegno. Le alternative sono a portata di mano, basta solo avere fantasia. Si possono usare materiali come legno, vetro… oppure dei sassi (e non abbiamo citato questi ultimi a caso).  Oggi, infatti, parleremo di uno stile particolare e divertente, un’arte pittorica conosciuta come rock painting. Ne avete già sentito parlare?

Quando parliamo di rock art, parliamo di un’arte antichissima nata dalla pittura rupestre e come si intuisce dal nome, prevede la creazione di disegni e forme sulle pietre. Disegnare sulla pietra, nella preistoria, era un modo per esprimersi prima ancora dell’invenzione della scrittura. Oggi colorare le immagini sui sassi ha assunto un aspetto del tutto nuovo diventando un hobby divertente per gli appassionati, un’attività di gruppo, un lavoro per gli artisti ma anche un’esperienza originale per bambini piccoli e ragazzi.

Dipingere i sassi: quali tecniche usare

Con i sassi si possono realizzare tante idee creative, ma esistono anche delle tecniche che è giusto conoscere se ci si vuole avvicinare a quest’arte. Colori acrilici, pennelli e tempere, pennarello indelebile, spray colorati, vernice acrilica… ci si può davvero sbizzarrire nella scelta delle tipologie dei colori da utilizzare e anche nella scelta dei soggetti. Ma quali sono i primi passi per iniziare ad avvicinarci a questa tecnica? Scopriamoli insieme.

Se siete alle prime armi, consigliamo di scegliere un sasso liscio e abbastanza grande in modo da avere uno spazio abbondante per elaborare la vostra opera. Solitamente, la prima bozza sul sasso si fa con la matita, quindi all’inizio scegliete un sasso bianco o chiaro, in modo da tracciare delle linee guida sempre ben visibili, queste saranno infatti il vero punto di partenza.

Una volta individuato il sasso giusto, passiamo alla scelta del soggetto. Per questo non c’è una vera regola. Molte persone si affidano solo all’ispirazione che la forma e i contorni del sasso possono suggerire, altri hanno progetti ben chiari in mente come la riproduzione su pietra di opere d’arte famose o anche qualcosa di più rilassante come i mandala. Per i più piccoli o per chi è alle prime armi, però, è sempre bene iniziare dalle basi, quindi dalla scelta di qualcosa di semplice: stelle, fiori, animaletti o insetti come delle piccole coccinelle. Poi, con il passare del tempo e con un po’ di esperienza in più le vostre opere potranno evolversi, diventare tridimensionali su sassi frastagliati o anche su pezzi di roccia. L’importante è non avere fretta e fare un po’ di esercizio.

Dipingere i sassi è un’arte davvero semplice ed economica e non richiede l’utilizzo di moltissimi strumenti se non sassi, una matita, pennelli, colori e tavolozza per creare agilmente tonalità sempre nuove.

Dipingere i sassi: quali strumenti servono?

Dipingere i sassi è un’arte davvero semplice ed economica e non richiede l’utilizzo di moltissimi strumenti se non sassi, una matita, pennelli, colori e tavolozza per creare agilmente tonalità sempre nuove.

Della scelta dei sassi ne abbiamo già discusso nel paragrafo precedente. Passiamo ora ai nostri consigli per l’utilizzo dei migliori prodotti per raggiungere un risultato finale impeccabile. Per quanto riguarda i colori, consigliamo l’utilizzo delle tempere Giotto Decor Acrylic. Sono colori fini, a base acqua, con effetto asciutto opaco. Sono coprenti e facili da stendere, ideali per decorare qualsiasi tipo di superficie: dal legno al vetro, cuoio, ceramica, metallo e appunto anche i sassi. Inoltre, hanno un odore neutro e sono lavabili da mani e pennelli con acqua tiepida e sapone. Sono disponibili in diversi colori: rosso, verde, rosa, nero e tantissimi altri… tutti miscelabili tra loro. Garantiscono una resa permanente e una buona resistenza alla luce.

Per stendere la tempera sul sasso consigliamo un pennello a punta tonda ideale per la cura dei dettagli, linee sottili e di precisione. La scelta, in questo caso, è molto ampia e potrete valutare lo strumento più adatto tra Giotto Pennelli Serie Art 400, Serie Art 700 in pelo di pony e pelo di bue o Giotto Pennelli Taklon Serie 500 in fibra sintetica .

Infine, in aggiunta possono essere utilizzati anche i pennarelli multisuperficie Giotto Decor Materials  per personalizzare e disegnare i propri lavoretti artistici sui sassi. I pennarelli hanno inchiostri a base acqua; sono innocui, sicuri e resistenti alla luce, hanno una perfetta coprenza anche su basi scure o colorate e alla sovrapponibilità dei colori, con una resa permanente sui materiali porosi. Sono rimovibili con un panno umido da materiali lisci. Ma prestate attenzione: tutti i colori sono facilmente lavabili dalle mani ma, per la loro specificità, possono macchiare gli indumenti.

L’idea in più: se volete ottenere colori brillanti e un effetto super gloss a lavoro finito, provate Giotto Glossy Varnish. Una vernice fissativa che non solo renderà duraturi i vostri lavori proteggendoli, ma donerà loro un effetto di piena brillantezza.

Dipingere i sassi: un regalo semplice e creativo

Dei sassolini, dei ciottoli lisci dalla forma particolare raccolti in spiaggia, magari durante una romantica passeggiata al mare, possono trasformarsi in piccoli doni dal grande significato.

I sassi decorati sono perfetti da regalare per la Festa della Mamma, San Valentino o in altre ricorrenze, da condividere in famiglia o tra amici.

Sulla loro superficie si possono realizzare delle decorazioni o scrivere un messaggio. I bambini possono trasformarli in fermacarte per la propria scrivania o renderli dei simpatici segnaposto in occasione di una festa.

Sono oggetti originali fatti a mano che possono essere anche integrati al nostro arredamento di casa o utili a decorare il giardino per donargli un tocco personalizzato. Per esempio, provate a creare una fantasia colorata di sassi, magari disegnando le lettere del vostro nome o quello dei membri della famiglia, attorno alle piante grasse o cactus. L’effetto vi lascerà senza parole!

Ma il giardinaggio non è l’unico campo in cui sfruttare queste piccole opere. I sassi possono diventare dei perfetti soprammobili. Se particolarmente lisci e dalla forma ben definita e stabile, possono essere la base di profumatissime candele. Ancora, possono diventare un dettaglio super alla moda perché è possibile una volta colorati e personalizzati, applicarli su una borsa di tela o di stoffa utilizzando della colla specifica per tessuti.

Utilizzare i sassi come base per le opere d’arte, non solo è un’idea stupenda di riciclo creativo ma è anche un modo per sviluppare la fantasia. Vi abbiamo incuriosito abbastanza? Allora non vi resta che mettervi all’opera con i nostri consigli e magari alla ricerca di qualche tutorial online.

Buon divertimento!

Questo articolo quanto ha acceso la tua creatività?
Grazie
3/5
Potrebbero interessarti
Rimani aggiornato
Iscriviti alla Newsletter Fila per avere tutti gli ultimi aggiornamenti