Il riuso e i bambini, per un laboratorio che parla di sostenibilità

Second Life: Pennarello, non ti butto ti riuso! / Come realizzare mattonelle di pennarelli esausti

Parlare alle nuove generazioni affrontando i temi proposti da Agenda 2030 è un impegno più che sostenibile, significa coinvolgerli in un progetto per un futuro migliore. I modi sono infiniti e la creatività è un vettore importante.

Api, riuso e sostenibilità

Questa nuova proposta di Mook è appositamente pensata per il coinvolgimento dei più piccoli. Perché si può parlare di sostenibilità ad ogni età. Più i concetti sono semplici, più sono facili da trasmettere e più li ricordiamo.

Nell’esempio che vedete nella foto 1 Mook ha usato la metafora delle api facendo disegnare e colorare ad ogni bambino un’ape diversa.

Le api sono insetti operosi e al tempo stesso molto simbolici: capaci di produrre molte cose, dal miele, alla cera, alla pappa reale. E tutti questi ‘prodotti’ possono essere riciclati e riutilizzati sia dalle api stesse che dall’uomo e fanno anche bene! Nulla infatti viene buttato di questa produzione sorprendente.

Disegnare e personalizzare api, diventa un pretesto per raccontate loro come un piccolo insetto molto operoso sia in grado di fare grandi cose.

Una volta che i bambini hanno terminato, i disegni sono stati assemblati insieme alle ‘mattonelle di pennarelli esausti’ precedentemente preparate, in una composizione a forma di alveare per essere fissate poi sulla parete, avvicinando disegni alle mattonelle in una composizione armonica, e creando così elementi decorativi curiosi e coloratissimi.

Il risultato è una cornice Optical pensata per abbellire la classe e dare risalto ai disegni dei bambini, ma al tempo stesso un laboratorio per i piccoli per parlare di cose difficili, e non solo, nel suo insieme, un oggetto di eco-design mnemonico sul tema della sostenibilità.

Diventare eco-designer fin da piccoli.

Partendo da buoni esempi si è in grado di riprodurre molte cose belle. Basta seguire i percorsi e gli spunti, assimilare i meccanismi che ci introducono alla creatività, e infine mettersi in gioco, provando e riprovando.

Per qualsiasi dubbio o informazione scrivi a progettiscuole@fila.it

Seguiteci su Diario Creativo.

>> Torna a Second Life: Pennarello, non ti butto ti riuso! e scopri tutti gli spunti!

Questo articolo quanto ha acceso la tua creatività?
Grazie
/5
Potrebbero interessarti
Educare alla sostenibilità
Facce nascoste
Upcycling: l’arte del riuso di ogni cosa / Facce Diverse / Facce Nascoste
Rimani aggiornato
Iscriviti alla Newsletter Fila per avere tutti gli ultimi aggiornamenti